Ramin Bahrami

E Bahrami suona per i terremotati - FamigliaCristiana.it

« Back to the list
ITA

E Bahrami suona per i terremotati

Il pianista iraniano Ramin Bahrami, in un concerto straordinario all'Auditorium di Milano, ha dedicato l'Aria sulla quarta corda di Bach alle vittime del terremoto in Emilia.





Un regalo meraviglioso che Bahrami ha voluto fare ai terremotati, tutto per loro, in un silenzio assoluto (senza neppure un colpo di tosse, incredibile) che ha commosso l'Auditorium d Milano. In realtà, l'artista originario di Teheran ne ha concessi altri due bis dopo il concerto, che hanno davvero divertito il pubblico: un Polacca italiana di Sergei Rachmaninov e una Marcia persiana, entrambe frutto di una revisione dello stesso pianista.



E poi, ovviamente, tanto Bach, il suo adorato Bach, che ne fa oggi, insieme con l'ungherese Andras Schiff e con la canadese Angela Hewitt, il pianista che più si accosta al Kantor con ricchezza di repertorio, abbondanza di programmazione nei concerti e profondità di analisi musicale. Ha presentato all'Auditorium di Milano un programma con le Suites Inglesi n. 1, 2 e 4 del genio di Eisenach, insieme con l’Aria K 32 e le Sonate K 289, K 278, K 159 e K 282 del maestro della Scuola napoletana Domenico Scarlatti.



Bahrami, nato a Teheran nel 1976, dopo la rivoluzione politica del suo Paese ha trovato rifugio in Italia. Costretto a emigrare a soli 11 anni a causa del regime degli Ayatollah, Bahrami è stato accolto nel nostro Paese dove, grazie a una borsa di studio, ha potuto dedicarsi al pianoforte. A 21 anni era già diplomato e si è via via concentrato sulle interpretazioni di Bach, del quale dice: «Assomiglia al mondo che immagino ancora possibile».



È diventato in breve tempo uno dei pianisti bachiani di riferimento, anche discograficamente (come lo è stato il canadese Glenn Gould a partire dal 1955 sino alla sua morte, nel 1982, quando registrò a New York una storica esecuzione delle Variazioni Golberg), tanto da portare più volte la musica di Bach nella classifica TOP100 della musica italiana più venduta: dall’exploit dell’Arte della Fuga del 2007 a quello dei Concerti del 2011.



La è una storia di devozione alla musica di Johann Sebastian Bach: le sue incisioni hanno fatto appassionare il mondo: Bahrami, soprattutto, ha avuto il pregio di avvicinare un nuovo pubblico alla musica del Kantor, con interpretazioni fresche e allo stesso filologicamente rigorose. È stato anche promotore della prima edizione del World Bach-Fest, una “tre giorni” di musica, cinema e incontri che si è svolta a Firenze dal 9 all’11 marzo scorso, raccogliendo consenso di pubblico e di critica.




Pino Pignatta


Fonte: http://www.famigliacristiana.it/cultura/ascoltato/articolo/e-bahrami-suona-per-i-terremotati.aspx


Date: 12/06/2012



Category: News - Written on 15/06/2012 16:26



Copyright © 2011 - RaminBahrami.com - Accesso Riservato - Privacy
Browser supportati: Firefox, Safari, Chrome, Opera, Internet Explorer 8 e successivi