Ramin Bahrami

Press

Bahrami a tutto Bach con il flautista Mercelli

From Bresciaoggi.it on 15/08/2012

ITA

LA RECENSIONE. Dopo il concerto a alta quota il pianista a Ponte

Quattro sonate di notevole impegno per il fitto contrappunto. Esecuzioni perfette e grande generosità

15/08/2012



Dopo la «scalata pianistica» a Passo Lagoscuro Ramin Bahrami è sceso a quota più bassa, fisicamente ma non certo dal punto di vista artistico, per il suo concerto alla Sala Paradiso dell'Hotel Mirella di Ponte di Legno, in coppia col flautista Massimo Mercelli. Il programma, ancora una volta «a tutto Bach», ha riguardato quattro Sonate per flauto traverso e tastiera, pezzi di notevole impegno e nei quali le difficoltà sono equamente distribuite fra i due protagonisti: da una parte la realizzazione del tema principale allo strumento a fiato, dall'altra il gioco dell'accompagnamento alla tastiera. Che, per chi conosce Bach, risulta particolarmente complesso nel fitto contrappunto che è la caratteristica distintiva e inimitabile del genio musicale di Eisenach. Il pubblico in sala era particolarmente numeroso, certo per la fama che circonda questo grande interprete del repertorio bachiano, ma anche per la curiosità per un repertorio, quello col flauto traverso, che ha avuto in Massimo Mercelli un ottimo interprete: il suo è uno strumento in legno e non in metallo e quindi con un suono più morbido rispetto a quello di un flauto traverso moderno. Il discorso musicale si è snodato con un tratto di brillante nitidezza in tutte le quattro Sonate proposte, tra le quali segnaliamo per assoluta bellezza la BWV 1031 con la sua incantevole Siciliana e la Sonata in si minore BWV 1030 per il suo particolare gioco armonico che, specialmente nel suo Andante iniziale, appare di stupefacente modernità. MASSIMO Mercelli e Ramin Bahrami sono stati particolarmente generosi col pubblico in sala e con i suoi applausi: attenendosi rigorosamente al «tutto Bach» che era anche la cifra della la serata prima hanno proposto due Minuetti che il grande «padre musicale» aveva affidato come «compito» da realizzare al figlio Carl Philipp Emanuel, poi la versione per flauto e tastiera di una breve Fuga dalla monumentale Offerta Musicale, col «tema regio» in bella evidenza sia al flauto sia al pianoforte. Infine Bahrami ha preso di nuovo la parola al pianoforte per una sua trascrizione della celebre Aria sulla quarta corda, a conclusione della davvero entusiasmante serata musicale.L.FERT.







« Back to the list

Copyright © 2011 - RaminBahrami.com - Accesso Riservato - Privacy
Browser supportati: Firefox, Safari, Chrome, Opera, Internet Explorer 8 e successivi